Google+

TripAdvisor, cattivi consigli e troppe risposte mancate

Pubblicato il: 10 novembre 2018 alle 7:00 am

Mi manda Raitre smaschera i post a pagamento

consigli-tripAdvisor

Turista per caso è un film che ho molto amato, come l’idea democratica che sia anche il consumatore a dare il suo giudizio su alberghi, ristoranti e altro. Peccato che il protagonista del film fosse un super professionista del viaggiare per caso.

Anche TripAdvisor mi è sembrata, all’inizio, una guida complementare da maneggiare con attenzione critica. Ci trovi (pochi) viaggiatori e gourmet straordinari: la loro memoria e cultura sono una ricchezza silenziosa. Poi c’è l’autocertificazione garantita da una grande community di cui si sa poco o nulla, post in cui non si esprime un giudizio di gusto, di accoglienza, soggettivo ma legittimo, ma si va oltre senza averne gli strumenti.

consigli-tripAdvisor_01

Senza il palato, per esempio. Un dono che va comunque nutrito negli anni: perché bisogna sapere, studiare, capire. Magari aver frequentato qualcuno dei grandi da cui imparare. Leggo invece stroncature ignoranti o faziose di posti che frequento da sempre, alcune con errori e balle da querela. So di telefonate e mail in cui si offrono recensioni a pagamento.

Mi manda Raitre ha smascherato il mancato filtro e controllo della società, la sua struttura inadeguata, l’ambigua policy sulla correttezza dei giudizi e un diritto di replica completo: non basta che le recensioni vengano tolte, devono essere riconosciute inattendibili da TripAdvisor.

consigli-tripAdvisor_02

Debbo dire che quando ho tentato di scrivere un commento, a favore o contro, ho avuto, dopo essermi qualificato, problemi insormontabili. In quanto persona qualificata sono stato bannato? Non c’erano insulti, solo le prove di giudizi in malafede. O il riconoscimento di un posto meritevole. Ho testimoni, naturalmente. Ridicolo e triste.

I rappresentanti di TripAdvisor non sono riusciti a rispondere a Raitre, sono state portate le prove di società che offrono 40 recensioni, positive o negative (contro chi?), a 500 euro. Quindi, aspettiamo risposte.

Chi scrive si diverte e a volte ci prende, ma chi legge e ci lavora si merita più umiltà, serietà e competenza.

Da una community che ha potere (e lo usa). Senza arrivare a una class action delle associazioni di consumatori.

 

Tratto dal quotidiano Il Giorno del 26 aprile 2014

consigli-tripAdvisor_03

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , ,



L'autore

Marco Mangiarotti

E’ nato a Bergamo nel 1948. Ha iniziato come critico musicale e jazz nel 1969 al Giornale di Bergamo. Ha collaborato alla direzione artistica di Lovere Jazz e Imola Jazz, ai supplementi del Corriere della Sera, Musica Jazz, all'Europeo e al Panorama di Rinaldi. Al Giorno dal 1977, dove ha fatto tutta la trafila da critico musicale e tv a capo degli Spettacoli, inviato. Poi capo di Cultura e Spettacoli del Qn Giorno-Carlino-Nazione, caporedattore centrale, vicedirettore al Giorno, direttore di Onda Tv. Fa televisione dagli inizi degli anni Ottanta, commentatore e giudice nei Talent. Oggi è una delle firme di Qn Il Giorno. Il percorso gourmet inizia al mitico Riccione di Giuliano Metalli e con Gualtiero Marchesi nel ristorante 3 stelle di Porta Romana, cenacolo culturale nel dopo redazione o teatro. Sul campo, nel confronto con i più importanti chef italiani, l'amicizia con Paolo Masieri, il cuoco contadino, e Davide Oldani. Ha fatto servizi in Italia e all'estero per Traveller. Cura la pagina food sul Giorno.


Back to Top ↑